Il titolo dell’articolo è a trabocchetto perchè fa intendere che si dichiari quella che è la migliore Carta in assoluto per stampare,
in realtà lo scopo dell’articolo non è questo ed in queste righe non troverai nessuno spot pubblicitario che ti spiega la migliore casa produttrice di Carta.

Lo scopo di questo post è quello di definire quelle che sono le principali tipologie di Carte suddivise per grammatura, 
finitura e diverse tipologie;

uno dei primissimi passi è la grammatura che è importante perchè determina la sensazione che al tatto il lavoro comunica a chi la riceva o a chi la sta osservando:
nella stampa di documenti classici si utilizza nella stragrande maggioranza dei casi una carta comune da 80 gr. M2,
e questa tipologia di carta è utilizzabile anche ad esempio nella stampa di copertine per CD o DVD o piccoli manuali d’uso,
discorso diverso invece lo abbiamo per le stampe da presentazione o ad esempio da cerimonia in cui una Carta troppo leggere potrebbe dare l’impressione di qualcosa di poco consistente, e poco duraturo.

Se per caso hai letto questo articolo qui viene spiegato che in genere le Stampanti che caricano la Carta da sotto come HP  di fascia bassa e Brother hanno maggiori difficoltà nell’utilizzo di carte molto spesse in quanto una carta troppo spessa potrebbe creare problemi nel caricamento della stessa con conseguente slittamento del rullo di presa carta.

Discorso differente invece lo abbiamo su Stampanti Fotografiche che non hanno problemi con nessuna grammatura,
l’importante è regolare bene la leva che immobilizza la carta;
nè troppo stretta altrimenti il foglio potrebbe non passare,
nè troppo larga perchè questo potrebbe dar luogo a stampe storte.

Nei prossimi articoli vedremo comunque quelli che sono gli utilizzi consigliati dai produttori e come è composta e come viene suddivisa la carta per categorie,
quindi se ti interessa l’argomento non mi resta che dare appuntamento al prossimo aggiornamento del blog.

Incoming search terms for the article: